Via Don Minzoni 3, 21013 Gallarate (VA) info@brownsea.it

Fondazione Brownsea Onlus

La Fondazione Brownsea Onlus è un ente di volontariato che si occupa di progetti educativi a favore dei giovani e di progetti internazionali di cooperazione allo sviluppo.

Il nome “Brownsea” è legato al luogo dove si tenne nel 1907 il primo campo scout e vuole significare il profondo legame della Fondazione ai principi e alla metodologia educativa dello scautismo.

Nata nel 1961 a Gallarate per volontà di educatori scout e dei loro familiari, la Fondazione Brownsea gestisce alcune proprietà mettendole a disposizione di gruppi scout per le loro attività educative.

Da diversi anni inoltre ha avviato progetti di cooperazione in Africa incentrati sulla strategia della promozione dell’autosviluppo e caratterizzati dallo stile dello “spirito di servizio” tipico dello scautismo. Non a caso nel corso del tempo al progetto hanno aderito alcuni gruppi ed associazioni scout di diverse parti d’Italia e d’Europa.

Sedi Fondazione Brownsea Onlus

Sede legale : via Don Minzoni 3 – 21013 GALLARATE (VA)
Sede operativa : via Burigozzo 11 – 20122 MILANO (MI)
Tel: 02 58314760 – Fax: 02 45490192
E-mail: info@brownsea.it

Sedi di IKSDP – Harambee Project

ITALIA

  • Via Burigozzo 11 – 20122 MILANO – (Direzione Progetto)
  • Via Don Minzoni 3 – 21013 GALLARATE (VA)
  • Parco Ecolandia – Via Scopelliti – Arghillà – 89135 – REGGIO CALABRIA

KENYA
IKSDP – P.O.Box 12 – 40333 NYANDIWA – GWASSI

GERMANIA
Saarwellingerstr. 163 – 66740 SAARLOUIS

LIECHTENSTEIN
Lettgräbli 3 – FL-9490 VADUZ

I progetti della Fondazione Brownsea Onlus Attivi

 

Contattaci

___________________________________

Sostieni la Fondazione Brownsea Onlus donando il tuo 5xMille

Sostieni la Fondazione

___________________________________

Un pensiero dedicato alla recente scomparsa di Gabriele Peroni, fondatore nel 1961 della Fondazione Brownsea

 

In memoria di Gabriele Peroni

 

A tutti noi è capitato almeno una volta di sentirci abbandonati da Gabriele in un bosco sconosciuto, lungo un sentiero non segnato, da qualche parte di una montagna oscura, con la tenda rotta, gli attrezzi sbagliati, le istruzioni confuse.

Era il suo modo di vivere. Il suo grande cuore non era fatto per il presente, per le aride faccende organizzative. Era tutto per il futuro, occupato a escogitare una nuova idea, a rincorrere un’intuizione qualunque che gli permettesse di portare più in là il suo entusiasmo per lo scautismo, di assolvere la sua infinita missione come un antico cavaliere errante.

Gabriele era il nostro Don Chisciotte, e tutti noi i suoi Sancho Panza. Lui aveva il fuoco della passione che gli faceva tentare ogni genere di impresa, e tutti noi l’acqua della pazienza per cercare di contenerlo, aiutarlo, circoscriverlo, qualche volta evitarlo.  

Nella sua perenne ansia di bene non ha mai saputo né voluto negarsi. Non c’è quasi gruppo scout in questo territorio che non debba ricordarlo tra i suoi fondatori o benefattori: Gallarate, Varese, Busto Arsizio, Somma Lombardo, Cassano Magnago, Luino, Legnano.

Non c’è quasi campo nel quale Gabriele non abbia sperimentato e proposto forme di aggregazione e attività a sostegno della gioventù: Scuola di lingue, di canto, di musica, di sci.

Perfino il mal d’Africa, ci ha attaccato, con la sua testarda vocazione a portare il bene ovunque la Provvidenza lo chiamasse e ci fosse da testimoniare i valori dello scautismo. Senza di lui non si sarebbe messa in moto l’avventura che ha trasformato un povero villaggio di trecento pescatori sulle rive del lago Vittoria in una comunità vivace e orgogliosa di quasi ventimila anime.

E i campi di specializzazione, la base scout a Livigno, la Fondazione Brownsea, l’isola degli scout nel Parco del Ticino, la base scout in Val Cannobina. Non si può tenere il conto di tutte le avventure in cui Gabriele si è buttato, e ci ha buttato, con l’unico intento di offrire ai ragazzi sempre nuove opportunità e occasioni.

Del resto apparteneva ad una generazione abituata a pensare in grande. 

Gabriele ha conosciuto lo scautismo a pochi passi da questo luogo nel 1945, quando fare lo scout era per i ragazzi il modo più accattivante, forse l’unico, di sollevarsi dalla polvere della guerra e riempirsi il cuore di ideali positivi, umani e cristiani, dopo gli anni aridi del regime e del conflitto.    

Lo scautismo era una scuola di vita, uno strumento formidabile per la costruzione di un mondo migliore, di uomini liberi, uguali e fratelli.  Non a caso la fratellanza scout era uno degli articoli della legge che Gabriele ricordava più spesso e che più ci teneva a trasmettere ai suoi scout. Quanti di noi hanno imparato la bellezza di sentirsi europei, cittadini del mondo grazie a Gabriele e alle sue spedizioni avventurose. Norvegia, Finlandia, Spagna, Inghilterra. Si andava, su pullman scassati, a tappe forzate, con cibo razionato, ma si attraversava l’Europa e il mondo non aveva barriere né confini. E quando poi capitava di trovarsi insieme a ragazzi di ogni parte del mondo e vedevi Gabriele cantare storpiando canzoni sconosciute, improvvisando parole e inventando melodie, vedevi la sua espressione felice e i suoi occhi brillare.

Era in quei momenti che avresti detto che lui sì, la sua Dulcinea l’aveva trovata.

E in quella rincorsa continua non ha risparmiato niente di sé: energie, tempo, denaro, affetti, famiglia, senza curarsi del tempo che passava, degli scudieri che disertavano, del mondo che cambiava.

Fino all’incontro con la malattia, che gli ha consumato il corpo e prosciugato la mente con sottile crudeltà, lasciandogli solo l’illusione di rivivere il passato.

Gabriele se n’è andato, e noi rimaniamo orfani del vecchio amico e portatori sani di scintille della sua vitale follia.

Gabriele ci ha di nuovo abbandonati in quel bosco, lungo quel sentiero, sopra quella montagna. Siamo cresciuti e adesso abbiamo la tenda nuova, gli attrezzi  completi e le istruzioni chiarissime.

Ma non abbiamo più il sogno. Dovunque mi volti a guardare vedo solo dei tristi Sancho Panza che girano intorno ai mulini a vento senza sapere che farci.

L’ultimo dei cavalieri erranti ha deposto le armi e ci sorride benevolo dalla tenda celeste proprio accanto alla Madonna degli scout.

 

                                                                     Mariano Sinisi – Gallarate, 27 novembre 2018

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi